Preparare una Tisana

La tisana è una bevanda salutare che può essere preparata da tutti a condizione che sia bevuta subito dopo la preparazione, altrimenti le proprietà si disperdono in breve tempo. Preparare una tisana è semplice. Esistono diverse tipologie di tisane, che si differenziano tra loro per tempo di posa, temperatura e quantità di erbe utilizzata. Nell’assaporare […]

Tisana
Ti-Sana: alchimia di essenze

La tisana è una bevanda salutare che può essere preparata da tutti a condizione che sia bevuta subito dopo la preparazione, altrimenti le proprietà si disperdono in breve tempo. Preparare una tisana è semplice. Esistono diverse tipologie di tisane, che si differenziano tra loro per tempo di posa, temperatura e quantità di erbe utilizzata. Nell’assaporare una tisana possiamo contattare la relazione fra l’elemento “Acqua”, sorgente di vita e l’elemento “Terra”

La Tisana è formata da fitocomplessi e presenta il seguente schema nella sua composizione:

– il Remedium Cardinale o Rimedio di base: l’erba o pianta principale che contiene il principio attivo base per curare una determinata patologia; – l’Adiuvans o adiuvante: una o più erbe capaci di sinergizzare con il rimedio di base;

– il Costituens o Complemento: una o più erbe in grado di conferire un gusto piacevole;

– il Corrigens o Correttore: una o più erbe in grado di migliorare le caratteristiche organolettiche della tisana.

La procedura di base è lineare. Le modalità si differenziano sulla base delle caratteristiche della pianta che scegliamo e che utilizzeremo; infatti possiamo differenziare in 3 principali categorie: infuso, decotto e macerazione. Si tratta in tutti i casi di tisana, a variare sono il tempo di posa, la temperatura e la quantità di erbe utilizzata.

  • INFUSO L’infuso è utilizzato per estrarre principi attivi delle parti più delicate di una pianta officinale. Esso viene preparato versando dell’acqua bollente sulle parti idonee della pianta (tagliata in maniera opportuna) e lasciando il tutto a contatto (in infusione), tenendo coperto il contenitore per dieci-quindici minuti. Passato questo lasso di tempo, si procede alla filtrazione, che si può effettuare con un normale colino, dopodichè l’infuso è pronto per essere bevuto.
  • DECOTTO Il decotto è una forma di tisana utilizzata al fine di poter estrarre i principi attivi dalle parti della pianta che risultano essere molto coriacee, come radici, semi, corteccia o legno. Per preparare un decotto si utilizzano le parti d’interesse della pianta (opportunamente tagliate) e le si mettono nel recipiente di cottura insieme a dell’acqua, possibilmente distillata. Successivamente, il tutto viene portato a bollore, a fuoco lento, che viene mantenuto per un periodo variabile, in genere, tra i due ed i quindici minuti. Infine, lo si lascia intiepidire per circa quindici minuti, si filtra il liquido con un colino e lo si può bere o utilizzare a fini terapeutici.
  • MACERAZIONE La macerazione è un tipo di infusione a freddo, dove le erbe vengono lasciate nell’acqua fredda per alcune ore ed il composto si berrà, quindi, a temperatura ambiente.

 

 

Related articles

Le spezie: breve storia

“Se la tengo tra le mani, la spezia mi parla. Ha una voce di crepuscolo, sembra riecheggiare l’inizio dei tempi” da “La maga delle spezie” di Chitra Banerjee Divakaruni   Con il termine di Spezie s’indicano i prodotti vegetali, generalmente semi, frutti, cortecce, foglie essiccati ed usati interi o ridotti in polvere per aromatizzare e, in […]

Learn More

Tisana antidepressiva

Tisana antidepressiva Ingredienti: –  100 gr di fiori d’Iperico – 50 gr di foglie di Basilico – 50 gr di foglie di Melissa – 1 cucchiaino di dolcificante naturale, come per esempio sciroppo d’Agave (facoltativo) Preparazione Bollire l’acqua, spegnere e versare la miscela di piante. Lasciare in infusione per circa 5 minuti. Filtrare e quindi bere […]

Learn More

All’ombra del Tiglio…per ritrovarci!

All’ombra del Tiglio…per ritrovarci! “Se guardate l’ago di una bussola, scoprirete che un’estremità punta sempre più o meno a nord, mentre l’altra a sud. Se volete spiegarvi il fenomeno, non vi occuperete dell’ago, quanto piuttosto della Terra […]. Sarebbe ridicolo tentare di spiegare il comportamento dell’ago di una bussola cercandone la causa nell’ago stesso. Non è […]

Learn More